Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Salernitana-Napoli, Spalletti: “Nessun caso Insigne, decisione comune. Vittoria importante”

Salernitana-Napoli, il commento dell’allenatore nel post partita

All’Arechi il derby Salernitana-Napoli finisce 1-0 per gli azzurri grazie al gol di Zielinski. Partita complicata per i partenopei, un’espulsione per parte: Kastanos e Koulibaly. A fine gara Spalletti ha commentato così a Dazn:

Insigne ha un affaticamento muscolare, rischiava di farsi male e andava gestito. Venti/quindici minuti se ne poteva parlare, la partita però si è messa su un altro piano e ho preferito fare altre scelte. Loro hanno messo giocatori fisici, cercando le mischie, ho preferito evitare di metterlo in modo che non si facesse male. Ho parlato ieri con Insigne, anche lui in modo molto maturo mi ha detto che preferiva partire dalla panchina, senza nessun caso. Abbiamo deciso di far giocare Dries dal primo minuto, sapevamo che prima o poi avremmo dovuto cambiarlo. Volevamo giocare, poi però la partita non l’ha permesso e c’era bisogno di qualcuno di fisico in attacco. Se avessimo gestito meglio la palla in superiorità non gli avremmo concesso modo di rientrare in gioco. La Salernitana ha fatto una grandissima partita, fino all’ultimo hanno spinto. Sapevo che avrebbero lottato per vincere, vanno fatti i complimenti ai ragazzi che nel finale hanno lottato, trascurando la tattica. Sono orgoglioso di essere stato accettato da un gruppo fantastico, di bravi ragazzi e seri. Andavano sostenuti dopo un anno complicato, ma è gente che regge botta quando si alza l’asticella perché vogliono il bene del pubblico e della società. Per noi è fondamentale restituire l’affetto incredibile che ci danno i tifosi. A fine gara ho esultato con mio figlio da Milano, venuto ieri sera per seguire la partita. L’espulsione di Koulibaly è a limite per me, la trattenuta c’è stata ma la palla era andata via, ma è giusto che decida l’arbitro e noi dobbiamo sopperire anche a questa assenza. La squadra oggi ha fatto il Napoli e si è comportata da tale, la maglia va riempita con l’anima e i ragazzi l’hanno fatta. Tutti sono titolari, oggi si è visto che anche chi gioca meno può essere determinante“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

I Miti biancoazzurri

UNO DEI MIGLIORI ATTACCANTI DI SEMPRE DEL NAPOLI

Bruno Giordano

UNO DEGLI ATTACCANTI BRASILIANI PIÙ FORTI DI TUTTI I TEMPI

Careca

"EL PIBE DE ORO", IL MIGLIORE DI TUTTI I TEMPI

Diego Armando Maradona

IL "MAREKIARO" DI NAPOLI, storico capitano azzurro

Marek Hamsik

Altro da News