Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Spalletti: “La qualificazione può passare per l’Ajax. Domani cambierò dei titolari con altri titolari”

Spalletti

Napoli, Spalletti parla in conferenza stampa

Il Napoli domani scenderà in campo contro l’Ajax nella terza giornata della fase a gironi di Champions League. Gli azzurri sono a punteggio pieno dopo due gare e spera di restarci al giro di boa. Oggi Luciano Spalletti ha parlato in conferenza stampa:

AJAX – “Ho preso in considerazione le prestazioni di quest’anno, non quelle dell’anno scorso. Penso che loro stiano facendo un ottimo lavoro anche quest’anno. Ci somigliamo molto come tipo di squadra, entrambi amiamo giocare palla a terra e in velocità, costruire dal basso. Loro hanno anche l’alternativa di giocare anche lungo, hanno un attaccante più fisico che tiene palla quando gli viene scaraventata addosso. Sarà una partita emozionante, in uno stadio magnifico e contro un club fantastico. Diventeremo grandi solo facendo grandi partite, ci proveremo. Non ho seguito l’Ajax delle altre stagioni, loro giocano un calcio moderno. Noi dobbiamo essere bravi a portare il discorso della partita dove vogliamo noi. Loro hanno diversi tipi di costruzione, bisogna essere svegli e aspettarsi di tutto”.

GIRONE – “Giocheremo per vincere, non ci accontentiamo del punto. L’etica del lavoro ti dà personalità, la convinzione di essere forti. Non si possono fare partite nelle quali ci si nasconde, si parte e si va addosso forte fin da subito. L’Ajax sa palleggiare bene e bisogna toglier loro il tempo per fare le loro giocate”.

POLITANO – “Abbiamo a disposizione una rosa di calciatori che assomiglia ad una rosa del Napoli. Per essere calciatori del Napoli bisogna essere di un certo livello. Domani può darsi che 2-3 titolari giochino al posto di altri 2-3 titolari. Quando si ha un allenamento solo per preparare la partita ci prendiamo il tempo per decidere, ascoltiamo medici e calciatori”.

CRUIJFF ARENA – “E’ bellissimo giocare in questo stadio, è un orgoglio portare la storia dietro il nome del proprio calcio. Vanno fatte sempre buone prestazioni e grandi vittorie. Ogni vigilia di Champions per me è come la vigilia di Natale. E’ una sensazione bellissima, vogliamo essere all’altezza di nomi che hanno i nostri stadi”.

MIGLIORAMENTI – “Dobbiamo essere bravi a raccogliere da ogni allenamento qualcosa di nuovo da mettere in pratica, se vieni qui e ti adagi su cose già viste, finirai in balia degli avversari”.

ENTUSIASMO – “Schreuder ha esagerato nel dire  che siamo migliori del Liverpool. Noi non cambieremo nulla di quanto fatto fin qui. Ci siamo guadagnati sul campo la possibilità di giocare in Champions League, ora che ci siamo verremo a giocare il massimo della disponibilità al sacrificio. Domani non ci saranno cervelli distratti in campo”.

SQUADRA – “Noi dobbiamo spingere forte su ogni pallone senza avere il rischio di arrivare all’incoscienza. Bisogna essere lucidi e bravi a leggere cosa accade in partita. Bisogna rispettare le distanze tra i reparti, non siamo ancora al meglio, si può sempre migliorare. E’ necessaria la volontà di andarsi a guadagnare la possibilità di giocare queste gare”.

QUALIFICAZIONE – “Non so se passerà tutto da queste gare, dipende dai risultati. Se dovesse andare tutto bene, sì, ma di fronte abbiamo una squadra forte con più esperienza in campo internazionale ed in Champions League e molto determinati”.

LOZANO – “Hirving è fondamentale per noi, quando ha giocato ha fatto vedere di avere quelle capacità e caratteristiche che possono aiutare e dare sbocchi alla squadra. Ho una rosa di livello, ho altri calciatori altrettanto bravi per cui qualche volta ci può stare di dover fare il titolare per un minutaggio inferiore a quello della partita. Diventa fondamentale entrare in campo non per sostituire il compagno ma per dare conoscenze nuove alla squadra e trarne benefici”.

DI LORENZO – “Ci sono diversi calciatori che hanno fatto un minutaggio importanti, ma sono tutti monitorati per tenerli sotto controllo. Sappiamo quali sono i tempi di recupero e se si è in grado di recuperare per la gara successiva. Giovanni sembra un robot: anche quando fa l’allenamento post-partita ci manda segnali incredibili sulla sua condizione. Non ha mai atteggiamenti non da leader della squadra. E’ un calciatore che vorrebbe ogni allenatore. Zanoli? Ha tanta corsa, forza, gli piace spingere con continuità. Ha trovato poco spazio ma ho piena fiducia in lui, se dovessi avere bisogno non esiterei a farlo giocare”.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.