Siamo il Napoli
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

De Laurentiis prepara la rifondazione del Napoli: con Conte o Italiano

Dal Corriere dello Sport: direttore sportivo, allenatore e centravanti, nei prossimi mesi cambierà tutto

Napoli

In quel cono d’ombra, dove giace la Bellezza, c’è un Tesoro depositato da sfruttare per Risorgere. È la Pasqua più amara, una sofferenza che contrasta con la gioia di un anno fa, però il calcio non fa sconti, un po’ come la vita, e dopo aver sfregiato quell’opera d’arte, va ora inseguita una luce nuova. Il Napoli del futuro è un’incognita da svelare, ha dubbi che lo sovrastano e però anche qualche certezza: però stavolta, chissà se è servito, varrà la pena evitare di sbagliare ancora e di nuovo, di lanciarsi su sentieri impervi senza reti di protezioni. Aurelio De Laurentiis, in quell’estate dorata, i riflessi dello scudetto e la felicità che zampillava nelle tasche di giacche e pantaloni, sa di dover ricostruire dalle ceneri del suo ventennio, ricco di idee e poi di errori: ma per non essere diabolico, e non perseverare, converrà ora non sprecare questo tempo – sono almeno mesi – proprio come fece nella primavera del trionfo, con gli strappi con Spalletti e Giuntoli largamente prevedibili. Il Napoli va rifatto, dalla testa ai piedi: ha bisogno di un allenatore, essendo scontato il congedo da Calzona, poi – con Meluso che è pronto a salutare – di un direttore al quale concedere i poteri che ne meritano le competenze; e a seguire, in quel solco, scelte che dovranno essere ispirate da chi il calcio lo conosce tecnicamente.

Dovrà (ri)nascere il Napoli, potrà farlo con i circa 130 milioni della clausola rescissoria che arriveranno dalla cessione di Osimhen, con il risparmio su riscatti improbabili – Dendocker, Traore – con qualche altro inevitabile lascito (Natan? Lobotka? Simeone?), con la separazione ormai ufficiale da Zielinski, giocatore dell’Inter a parametro zero da qualche settimana ormai: ci sarà da rimettere assieme i cocci, però prima le idee. Gli attaccanti non mancano, i centravanti, costano ma il Napoli ha speso sempre ed ha energia per farlo: Jonathan David del Lilla, il tulipano Joshua Zirkzee del Bologna, Santiago Gimenez del Feyenoord sono ipotesi e anche tentazioni; ma sarà necessario, e anche indispensabile, un centrale difensivo, assenza insopportabile dopo l’addio di Kim, voragine che ha risucchiato qualsiasi pallido desiderio di essere ancora protagonista. Ci saranno casting un po’ ovunque, ormai è un’abitudine, e comunque una panoramica che non avrà confini.

E però, ancor prima di rilanciarsi, di mettere le mani nel portafogli, di cominciare a scandagliare il mercato, De Laurentiis – se consapevole degli strafalcioni di questi nove mesi – dovrà uscire dagli equivoci, investire sugli uomini per la scrivania e per la panchina, dove c’è un bel po’ di ressa: piace Antonio Conte, per leadership e storia, ma anche Vincenzo Italiano, per quel suo calcio che sa di Napoli.

Così scrive il Corriere dello Sport.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi in edicola oggi...
Potrebbe essere il centravanti del Girona il post Osimhen. Valutazione intorno ai 30 milioni di...

Dal Network

Importante vittoria della squadra di Gasperini in chiave Champions League, il Napoli non riesce a...

Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica pomeriggio,...

Gli USA pronti a ospitare le 32 squadre da tutto il mondo Nell’estate del 2025,...

Altre notizie

Siamo il Napoli