Siamo il Napoli
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Mazzarri: “Avevamo preparato la difesa sugli inserimenti di Theo. Abbiamo fatto una grande partita”

Le parole di mister Walter Mazzarri al termine di Milan-Napoli

Walter Mazzarri, allenatore del Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di DAZN al termine della partita persa per 1-0 contro il Milan. Ecco le parole del tecnico:

Una lettura della gara.
Il Milan ha fatto un pressing feroce nel primo tempo, poi è calato tanto. Infatti abbiamo fatto meglio nel secondo tempo perché loro sono calati tanto. Nella ripresa abbiamo fatto bene. Errori sul gol? Sì, era tutta la settimana che sapevamo che Theo entra verticalmente, l’avevamo preparato per tutta la settimana. E’ stato un errore, era prevedibile, dovevamo essere più bravi a scattare su quella palla filtrante“.

L’obiettivo Champions è alla portata?
“È possibile. Abbiamo avuto di tutto in questo periodo con gli infortunati e tante altre cose. Stiamo recuperando giocatori importanti, oggi abbiamo fatto una grande partita. Se ci girava qualche cosa potevamo fare anche tre punti contro una delle migliori squadre del campionato. Sono fiducioso e lotteremo fino alla fine per raggiungere il quarto posto.

Su Kvaratskhelia.
“Sta cercando di trovare spazi diversi perché trova sempre tre uomini ovunque va. L’ultima partita l’ha fatta benissimo, ogni tanto gli fanno qualche entrata che andrebbe punita. Servono anche i movimenti dei compagni che fanno gli inserimenti in modo che si ritrovi con un solo uomo addosso, non può saltare tre uomini tutte le volte
“.

Sul cambio modulo.
“Nel calcio moderno, una squadra se è brava a saper interpretare più moduli nella partita, tante cose le hanno memorizzate, è bello poter cambiare in base al certe situazioni, le rose sono ampie, ci sono 25 giocatori, bisogna essere bravi con la difesa a tre, col 4-3-3. A Riyad abbiamo fatto tre gol alla Fiorentina con la difesa a tre e tenuto botta con l’Inter. L’importante è che i ragazzi riconoscano quello che facciamo e quello che gli chiedo, sono i principi che contano, non tanto il sistema di gioco“.

Sull’esclusione di Piotr Zielinski dalla lista Champions.
“Quando fanno la lista Champions potevamo metterne solo tre, ne hanno comprati 4-5 nuovi e hanno pensato che questi sono il futuro del Napoli e non potevano lasciare fuori Traoré che deve essere valutato. Lui è arrivato con dei problemi, con la malaria e ha 20-25 minuti nelle gambe e ha rifatto la preparazione, è il giocatore più adatto a giocare nel ruolo così come Dendoncker. Rappresentano il futuro del Napoli così come Ngonge. Devono giocare in campionato perché hanno più chance? Come ragionamento può essere giusto, ma Zielinski oggi ha giocato mentre le ultime non le ha giocate e abbiamo vinto lo stesso. Oggi pensavo fosse giusto far giocare lui anche se non era ancora al meglio, poi magari le prossime non è detto che parta titolare“.

Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Le prime pagine dei quotidiani sportivi in edicola oggi, lunedì 4 marzo 2024.

...
Calzona
Le parole del tecnico partenopeo nel post partita di Napoli-Juve...
pagelle
Il nostro giudizio sulla gara del Napoli di Calzona contro la Juve di Allegri...

Dal Network

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica,...

E’ calato il sipario sulla sessione invernale di calciomercato. Dopo le 20:00 di ieri, 1...

Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976, un...

Siamo il Napoli