Siamo il Napoli
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

A queste condizioni, il Napoli non dovrebbe prendere Sudakov

A queste condizioni, il Napoli non dovrebbe prendere Sudakov. Potrebbe richiedere un esborso economico fin troppo esagerato

Sudakov
Sudakov

Il Napoli ha recentemente affrontato una decisione cruciale riguardante il trasferimento del talentuoso centrocampista Heorhij Sudakov, il cui prezzo era inizialmente fissato a 50 milioni di euro più bonus. Sergey Palkin, Amministratore Delegato dello Shakhtar Donetsk, ha rivelato di aver consigliato al club partenopeo di chiudere l’affare a gennaio, quando Sudakov era ancora disponibile per quella cifra. Tuttavia, il Napoli offrì 40 milioni di euro, una proposta ritenuta insufficiente per assicurarsi il giocatore.

Delle parole che sfatano miti duri a sparire

Le parole di Palkin non solo sfatano il mito del presidente del Napoli riluttante a spendere ingenti somme di denaro, ma mettono anche in luce la prudenza del club nel non farsi coinvolgere in aste al rialzo, spesso irrazionali, per giocatori che non sono considerati fenomenali. Questa cautela si riflette nella decisione di non adeguarsi alla richiesta aumentata di 50 milioni di euro, che ora si rivela essere una soglia minima, considerato l’interesse crescente da parte di numerosi club, in particolare inglesi.

L’interesse internazionale per Sudakov dimostra il suo valore come giocatore di centrocampo competente, ma solleva interrogativi sulla sostenibilità di tali valutazioni di mercato, specialmente per talenti non ancora pienamente consolidati a livello internazionale. Per il Napoli, la scelta di ritirarsi dall’affare potrebbe essere interpretata sia come un’opportunità mancata che come una mossa finanziaria astuta, evitando un investimento potenzialmente sovrastimato.

Il futuro dirà se il Napoli ha effettivamente perso un’occasione d’oro o se la loro prudenza sarà ricompensata. Nel frattempo, il dibattito tra investire pesantemente su promesse non ancora consolidate e mantenere una politica di acquisti più conservativa rimane un punto focale nella strategia di mercato del club. Con il calcio moderno sempre più influenzato da inflazioni record nei trasferimenti, squadre come il Napoli sono costrette a bilanciare tra ambizione e prudenza finanziaria.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

italiano
La curiosissima statistica di Italiano contro il Napoli. Il tecnico della Fiorentina protagonista indiretto di...
Kvaratskhelia
La magia di ieri non deve ingannare sul momento di Kvaratkshelia. Il georgiano è troppo...
Napoli
Rallegriamoci: siamo a poco dalla fine dello strazio. Una sola settimana e poi questa tremenda...

Dal Network

Importante vittoria della squadra di Gasperini in chiave Champions League, il Napoli non riesce a...

Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica pomeriggio,...

Gli USA pronti a ospitare le 32 squadre da tutto il mondo Nell’estate del 2025,...

Altre notizie

Siamo il Napoli