Siamo il Napoli
Sito appartenente al Network

L’avversario – L’Empoli di Andreazzoli: bravi, giovani e spregiudicati

Parisi Empoli

L’avversario – L’Empoli di Andreazzoli: bravi, giovani e spregiudicati

Sin dai primi anni 2000 l’Empoli si sta proponendo come una delle società maggiormente attenta non solo a una costruzione della rosa che vada a pescare molto dal settore giovanile ma anche all’attenzione al bilancio e al lancio di giovani rampanti, italiani o meno, che vadano poi a conquistare posti nel calcio che che conta. Lo stesso Napoli – che affronterà l’Empoli domenica pomeriggio – in rosa ha (e ha avuto) calciatori come Hysaj, Mario Rui e Zielinski che hanno militato proprio nel club toscano. Dopo la promozione dello scorso anno e l’addio di Dionisi in direzione Sassuolo, Andreazzoli è tornato sulla panchina dei toscani per riprendere discorsi già iniziati e poi interrotti.

LEGGI ANCHE – Anguissa, il C.T. del Camerun: “Spero di ridarlo al Napoli solo a partire dal 6 febbraio”

Come gioca l’Empoli di Andreazzoli

Generalmente impostato con un 4-3-1-2 (che però può diventare anche 4-4-2 e 3-5-2 in situazioni difensive), l’Empoli è una squadra che predilige la fase di palleggio e che si esalta nella ricerca degli spazi stretti. Possiede però anche la caparbietà per calciare da fuori grazie alla balistica dei suoi giocatori (uno su tutti: Bajrami). I terzini non propongono una spinta sempre precisa e impeccabile ma si rendono spesso pericolosi in fase di cross. I due attaccanti spesso sono fisici ma anche capaci di partire in velocità, motivo per cui le difese avversarie spesso vanno in difficoltà.

Da anni abituato a giocare nella stessa maniera, seppur con qualche cambiamento idelogico di manovra, l’Empoli è una delle squadre che, in relazione alla sua rosa, propone il calcio più divertente e offensivo che si possa produrre nella Serie A. Una realtà molto intrigante che richiama moltissimo le prime avventure di Sarri e Giampaolo proprio nella terra empolese.

LEGGI ANCHE – Hamsik: “Se non fossi andato in Cina avrei giocato a Napoli per tutta la mia carriera”

Pro

  • Squadra giovane e molto talentuosa, con tanti futuri campioni
  • Gioca da anni sempre nella stessa maniera e con meccanismi collaudati, oltre che con coraggio
  • Alcuni singoli sono un lusso per un club di media-bassa fascia

Contro

  • Non sempre la freschezza ha fatto il pari con l’esperienza
  • Spesso rischia di sbilanciarsi e lasciare praterie agli avversari giocando alto
  • Nel complesso la squadra resta non sul livello di molte altre compagini

Il leader

Difficile individuare un vero leader in questa squadra, che si rappresenta come tale nel vero senso del termine. Se proprio bisogna sceglierne uno, pur giovane, Pinamonti senz’altro è un calciatore che a livello tecnico ed emotivo può dare una spinta.

LEGGI ANCHE – Napoli, il report dell’allenamento: le condizioni degli infortunati

La sorpresa

Bajrami aveva fatto vedere delle cose ottime già in Serie B l’anno scorso, ora sembra pronto per il salto di qualità (nonostante una continuità non eccessiva datagli da Andreazzoli).

La formazione tipo

EMPOLI (4-3-2-1): Vicario; Stojanovic, Tonelli, Luperto, Parisi; Banindelli, Ricci, Zurkowski; Bajrami; Cutrone, Pinamonti. All. Andreazzoli

LEGGI ANCHE – Lozano, nuovi esami clinici: il comunicato del Napoli

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Osimhen ha interrotto l'astinenza di punti lontani dallo stadio Maradona che per il Napoli che...
Le pagelle di SiamoilNapoli.it al termine di Napoli-Barcellona. Dicci la tua nei commenti!...

Dal Network

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica,...

E’ calato il sipario sulla sessione invernale di calciomercato. Dopo le 20:00 di ieri, 1...

Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976, un...

Siamo il Napoli