Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Mertens è a un bivio. Faccia come Spider-Man: deve abbracciare “L’Altro”

Mertens

Mertens è a un bivio. Faccia come Spider-Man: deve abbracciare “L’Altro”

Non dovrebbe giocare da titolare – almeno secondo le indiscrezioni dell’immediata vigilia di match – ma la partita Napoli-Bologna è un viatico importantissimo per Dries Mertens. Calciatore ormai divenuto leggenda, da esterno è diventato bomber, da panchinaro di lusso un trascinatore. Ora, come un Benjamin Button al contrario, è tornato a essere uno di quelli che devono subentrare per poter incidere. Ma la storia e il percorso del Mertens recente dicono altro. E quelli del Mertens futuro impongono una soluzione nuova.

In un noto arco narrativo dei fumetti Marvel che prende il titolo de “L’Altro”, il personaggio famosissimo di Spider-Man affronta cambiamenti molto intensi a livello identitario e fisico. Peter Parker, dopo uno scontro con un nemico, purtroppo perde la vita ma poi, in virtù della sua parte “animale”, rinasce a nuova esistenza con poteri rinnovati e una nuova consapevolezza di sé, dopo aver deciso di abbracciare definitivamente tutte le caratteristiche e le sfaccettature della sua entità. Il superuomo che, quindi, si rimescola di fronte alle avversità e riprende il controllo di sé stesso e delle sue capacità.

Questo è esattamente ciò che deve fare Dries Mertens da oggi in poi. Il belga non si discute: fa parte della Storia del Napoli, ha un ruolo di riferimento e sempre lo avrà per le generazioni future, per chi in Ciro – come viene amabilmente chiamato – ha visto tutto. Talento, riscatto, sicurezza, gioia. Arrivato però a un punto in cui la sua avventura partenopea sta giugendo alla conclusione, dato che difficilmente gli verrà rinnovato nuovamente il contratto, Mertens deve sfruttare tutte le chance possibili per ritrovare sé stesso. E, di conseguenza, anche gol e giocate che ne hanno caratterizzato il rendimento fino ad alcuni mesi dell’anno scorso.

Soprattutto a gennaio – e questo non lo scopriamo oggi – ci sarà bisogno del vero Mertens. Cioè di un calciatore di classe, che veda la porta, che punti gli avversari e li salti, che sappia dare appoggio ma pure profondità. Il tifoso del Napoli ha necessità di rivedere, anche se solo per poche partite, quello straordinario attaccante che aveva raccolto l’eredità del quasi infallibile Higuain in versione sarrista.

Cominciare già contro il Bologna, o comunque in tempi brevi, dev’essere quindi l’obiettivo prima per questo ragazzo così legato a Napoli e alla squadra. Che anche lui, quindi, si decida ad abbracciare “L’Altro”. Quell’entità quasi metafisica che ha regalato a Napoli magie d’altri tempi. E che, nell’immediato e nel prossimo futuro, può rappresentare un grande alleato verso la corsa a un sogno in cui qualcuno ancora crede.

LEGGI ANCHE – Salernitana-Napoli, chiuso il settore ospiti: il comunicato

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

I Miti biancoazzurri

UNO DEI MIGLIORI ATTACCANTI DI SEMPRE DEL NAPOLI

Bruno Giordano

UNO DEGLI ATTACCANTI BRASILIANI PIÙ FORTI DI TUTTI I TEMPI

Careca

"EL PIBE DE ORO", IL MIGLIORE DI TUTTI I TEMPI

Diego Armando Maradona

IL "MAREKIARO" DI NAPOLI, storico capitano azzurro

Marek Hamsik

Altro da Approfondimenti