Siamo il Napoli
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

De Laurentiis a ruota libera su Garcia, Mazzarri, Zielinski e Giuntoli

De Laurentiis
De Laurentiis

Ancora il presidente De Laurentiis nella conferenza stampa fiume a Castel Volturno. Dopo aver parlato di svariati temi, tra cui Spalletti, Giuntoli e Thiago Motta, il presidente ha continuato ad analizzare il momento del Napoli.

Ecco le sue considerazioni più importanti.

“Dragusin? Avevo offerto più soldi del Tottenham ma mi disse che preferiva andare in Inghilterra. Davanti a questi fatti non puoi combattere, anche mettendo più soldi.

Io tuttologo? De Laurentiis fa l’imprenditore, non il prenditore. E l’imprenditore si interessa della propria impresa. Non mi si puoò dire che io intervenga troppo, voglio capire solo come farlo e quanto rapidamente. Lascio spazio ai collaboratori: Meluso è una persona di tutto rispetto, Micheli è adorabile e trova giocatori che sono farina del suo sacco. Io il problema dietro alcuni rifiuti? Non penso di esserlo.

Con Spalletti non ho mai avuto grandi contrasti, io facevo il presidente e lui l’allenatore. Non è che ci confrontassimo quotidianamente, non entro nel merito delle convenienze ma mi aveva detto di voler curare le sue cose e poi me lo ritrovo in Nazionale. Ho sbagliato a dargli il via libera, la causa è in mano agli avvocati.

Garcia? Quando disse di non aver visto le partite del Napoli pensavo scherzasse. Se l’avessi subito mandato a casa i giornalisti e la piazza cos’avrebbero detto? Una volta scesi negli spogliatoi dicendo che sbagliava a giocare in quel modo e lui mi disse di lasciarlo stare. Finita la partita con l’Empoli lo cacciai. La preparazione atletica? A Rongoni dissi che doveva confrontarsi con Sinatti, che però non voleva stare sotto Rongoni. Ho commesso l’errore di mandare via Sinatti. Avevo pensato tante volte di esonerare Garcia.

Mazzarri? Ha l’umiltà di capire, sbagliai a dirgli che doveva fare lo stesso gioco di Spalletti. Con Kvaratskhelia al centro è tutta un’altra storia. Il rinnovo di Kvaratskhelia? Ne riparleremo a fine campionato, mi hanno detto che qui stanno bene. Mazzarri resta? Lui è un amico di famiglia, lasciatelo lavorare: sarà quel che sarà. Ad aprile vedremo.

Zielinski? Ce l’ho a morte con il suo agente che lo ha voluto vendere perché ci deve guadagnare. Traoré ha un riscatto altissimo, se non lo provo come faccio a capire se tenerlo o meno? Ho provato a piazzare Demme ovunque, ricordiamoci che ha dato tanto, è stato un soldato.

Con Garcia non volevo essere maleducato cacciandolo dopo 10 giorni. Giuntoli è stato un separato in casa da novembre, sempre nelle orecchie che voleva andare alla Juventus. Difensore centrale? A gennaio non ne trovi, anche perché è difficile prendere un mancino che giochi a destra ma non il contrario. Micheli si sta già dando da fare”.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

L'ex portiere: "Gli azzurri hanno fatto vedere molti passi in avanti. Il primo tempo è...

Le prime pagine dei quotidiani sportivi in edicola oggi, lunedì 4 marzo 2024.

...
Calzona
Le parole del tecnico partenopeo nel post partita di Napoli-Juve...

Dal Network

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica,...

E’ calato il sipario sulla sessione invernale di calciomercato. Dopo le 20:00 di ieri, 1...

Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976, un...

Siamo il Napoli